All’Università Federico II un convegno per parlare di dislessia

CESAREPOZZO presenta: "La dislesia non ci spaventa"

Pubblicità

Si svolgerà Giovedì 21 Settembre 2017 presso l’Università degli studi di Napoli Federico II al Corso Umberto I n°40 il convegno “La dislessia non ci spaventa”, organizzato dalla Sede Regionale Campania della Mutua Sanitaria Cesare Pozzo al fine di sensibilizzare i Soci della Società ed i cittadini tutti su di una tematica quanto mai attuale che, in considerazione della recente normativa in materia (L.170/2010), ha visto ridefiniti e specificati gli ambiti di intervento delle Istituzioni e dell’iniziativa privata.

Il tema della dislessia in Italia non è ancora correttamente dibattuto ed il rischio concreto è quello di pregiudicare il processo formativo di tantissimi bambini i quali, invece, non hanno alcun difetto cognitivo e di conseguenza hanno  diritto ad avere le stesse possibilità di ogni altro bambino. Piccoli ma importanti accorgimenti come un piano didattico personalizzato possono fare la differenza.

Per questo motivo CesarePozzo, di concerto con una delle università più longeve d’Italia, ha deciso di organizzare un incontro all’interno del quale affermati esperti della materia avranno la possibilità di approfondire le difficoltà e le soluzioni possibili relative ai disturbi specifici dell’apprendimento.

Con oltre 135mila soci per un totale di circa , oggi la Mutua Sanitaria Cesare Pozzo è una grande realtà che mette al centro della sua azione quotidiana il benessere del cittadino. Ai Soci vengono erogati sussidi utili per integrare i costi sostenuti per le spese mediche; sono previsti anche sussidi di natura socio economica tesi a sostenere le famiglie in caso di difficoltà.

La Sede Cesare Pozzo della Campania, sita nei pressi della stazione Napoli Centrale di Trenitalia ed accanto alla stazione di Napoli Porta Nolana della Circumvesuviana, rappresenta un punto di riferimento per circa 6000 Soci in tutta la regione. Grazie alla sinergia con il polo universitario di Napoli, per il secondo anno consecutivo vengono proposti convegni per sensibilizzare i cittadini su temi di particolare interesse medico e culturale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*