Successo degli chef campani al Chianti Gourmet Experience

Pubblicità

E’ stata una festa con tanti ospiti e una ricchissima partecipazione quella targata “Chianti Gourmet Experience”, che si è svolta nel cortile del Castello di Meleto, a Gaiole in Chianti. Una due giorni che ha visto arrivare chef, maestri pasticceri, gelatai e pizzaioli da tutt’Italia. Accanto a loro, artigiani, ceramisti, norcini, macellai, produttori di miele, una ricca selezione di birre artigianali e il Sigaro Toscano. Immancabile e apprezzatissimo, il vino, quello dei produttori del Chianti classico e del Chianti storico. E, mentre si tirano le somme di questa seconda edizione, ecco che già si definiscono i particolari per il prossimo appuntamento, previsto per il 2020. Molto soddisfatti il direttore artistico, Vincenzo Guarino, e gli organizzatori della “Chianti Gourmet”, coordinati da Maria Biondi, che stanno già definendo i contenuti e la location per la nuova edizione, in sinergia con l’amministrazione comunale. Durante la serata finale, condotta da Veronica Maya, è stata premiata la personal chef Francesca Gambacorta, che si è distinta per la realizzazione della migliore versione della Pappa al Pomodoro. Hanno riscosso particolare successo i piatti proposti dagli chef campani, in particolare Giuseppe Aversa de Il Buco di Sorrento ha portato in degustazione “Baccalà con radicchio, pinoli e crema di ricotta erborinata”;  Vincenzo Guarino, mentore e organizzatore dell’evento, ha proposto “Fettucce di grano duro “Pastificio Leonessa”, tenerone di coniglio, scampo crudo profumato al limone e crema di cipolla di Certaldo”; “Tagliolini di calamaro e peperoncino” il piatto preparato, per l’occasione, da Lino Scarallo di Palazzo Petrucci; “Spaghetti aringa, limone e nocciola” la proposta di Luigi Salomone e, last but not least, gli “Gnocchi di patate ripieni di baccalà, con mandorle, cozze, aglio orsino e tartufo nero”. Tra i pizzaioli napoletani, Vincenzo Esposito della Pizzeria Carmnella di Napoli ha proposto una apprezzatissima Pizza Margherita, nella sua versione tradizionale. Babà e sfogliatelle ricce sono state il contributo partenopeo proposto dal mastro pasticcere Salvatore Gabbiano, della Pasticceria Dulcis in Pompei. Vincenzo Guarino, Executive Chef de “L’Aria”, ristorante del Mandarin Oriental sul Lago di Como, visibilmente emozionato ha ringraziato “Tutto lo staff organizzativo, quanti ci sono stati vicini, gli sponsor che ci hanno sostenuto e che ci hanno permesso di realizzare questo sogno: far incontrare a Gaiole, che è un luogo che porto sempre nel mio cuore, il meglio della gastronomia nazionale.” “Mi gratifica enormemente la partecipazione all’evento – ha aggiunto Guarino –  che ha visto più di 3000 visitatori, e ci dà la conferma che stiamo lavorando nel modo giusto per fare crescere sempre di più questa manifestazione. L’evento “Chianti Gourmet Experience” si è svolto sotto il patrocinio dell’assessorato al turismo del comune di Gaiole in Chianti e dell’Associazione Proloco Gaiole in Chianti nonché della partnership di: Banca Cambiano, Chianti Property Group, Ferrarelle, Latteria Sorrentina, Leonessa, Mulino Caputo, Reale Mutua, Sud Forni, Tosoni Auto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*