Regione Campania, nuova ordinanza su emergenza sanitaria: De Luca annuncia maggiori restrizioni

Pubblicità

Sospese fino al 3 aprile su tutto il territorio regionale le attività sanitarie ed assistenziali di tutti i servizi sanitari e sociosanitari territoriali, semi residenziali pubblici e privati, nonché tutti i servizi sociali a regime diurno attivati dagli ambiti sociali. Prorogata al 30 maggio 2020 la scadenza dei progetti riabilitativi in corso di validità alla data dell’ordinanza dell’8 marzo 2020. Le Aziende Sanitarie Locali rafforzano l’ordinaria organizzazione di servizi di cure domiciliari, al fine di garantire assistenza e prestazioni sanitarie e sociosanitarie indifferibili a domicilio a soggetti disabili, nonché anziani ed adulti autosufficienti che non possono frequentare i servizi sanitari e sociosanitari.

La nuova ordinanza, emessa dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, è la prova della corsa attuata per fronteggiare l’emergenza da Covid-19. Senza mezzi termini il Governatore ha annunciato la maggiore severità che verrà adottata nei prossimi giorni verso coloro che non si attengono alle disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed alle diverse ordinanze degli enti locali.

Pene severe per chi non rispetta gli obblighi di isolamento domiciliare con conseguente violazione dell’articolo 650 c.p. (Inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità) ovvero arresto fino a tre mesi ed ammenda sino a 206 euro.

Di seguito l’ordinanza n.16 del 13.03.2020 da leggere con attenzione:

http://www.regione.campania.it/assets/documents/ord-n-16-13-03-2020.pdf