Scafati, terzo giorno di contagi 0: Salvati, lockdown fino al 3 maggio

Pubblicità

Zero contagi a Scafati per il terzo giorno di fila. E’ il sindaco Cristoforo Salvati ad aver dato la notizia sul finire del weekend Pasquale, invitando tuttavia la cittadinanza a non cogliere questo dato come un segnale che spinga all’abbandono delle misure di prevenzione. “L’emergenza è ancora in atto, ma restando a casa stiamo riuscendo a rallentare la corsa del virus. Allentare la presa in questo momento sarebbe gravissimo e vanificherebbe tutti gli sforzi e i sacrifici fatti finora. Pertanto vi chiedo di continuare ad essere rispettosi delle disposizioni in vigore e di non uscire di casa, se non per le ragioni di assoluta necessità che conoscete”, ha sottolineato il primo cittadino, che in questi due giorni, ha dovuto gestire il polverone causato dalla veglia Pasquale nella chiesa di Santa Maria delle Vergini nella notte di sabato 11 aprile. Nonostante gli schieramenti pro e contro il parroco, Don Giovanni De Riggi, che sarebbe stato responsabile dell’assembramento di circa una quarantina di persone, il sindaco di Scafati ha mantenuto alta l’attenzione nelle giornate di Pasqua e del lunedì in Albis, per far sì che non si ripetessero episodi similari e che i controlli sul territorio si rivelassero massicci.

Allineamento con Governo e Regione Campania: il lockdown persisterà sino a domenica 3 maggio. In queste tre settimane saranno valide tutte le precedenti ordinanze emanate sino ad oggi.

“Saranno valide anche nella nostra città le ultime disposizioni contenute nell’ordinanza regionale n. 32 del 12 aprile. Nel dettaglio:

– la sospensione delle attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1 del DPCM del 10.04.2020 così come modificato dall’ordinanza n.32 del 12.04.2020 del Presidente della Regione Campania, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività;

– il commercio al dettaglio di articoli di carta, cartone, articoli di cartoleria e libri è sospeso ad eccezione di quello già esercitato nelle edicole, negli ipermercati e nei supermercati, nelle tabaccherie, nonché dalla grande distribuzione multimediale e via internet;

– il commercio al dettaglio di vestiti per bambini e neonati è consentito nelle mattinate del martedì e del venerdì con orario 8.00-14.00; nella settimana del 1° maggio l’apertura è consentita nelle mattinate del martedì e del giovedì con orario 8.00-14.00;”, ha specificato il primo cittadino in un lungo comunicato stampa.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*