Sapori costieri alla pasticceria Le Sirene di Sorrento

Pubblicità

gli chef D'Urso e Guadagno che scherzano nel loro laboratorio di pasticceria

A Sorrento il gusto della ripresa ha il profumo della delizia al limone ed  i colori  dei tronchetti gelato con le noci locali

Nella foto i pasticceri Alfonso Guadagno e Raffaele D’Urso con le mogli Anna Angela di Prisco e Annalisa Esposito

La ripresa post quarantena in costiera ha i sapori della delizia al limone e delle torte gelato con le noci di Sorrento. Due forti richiami identitari che caratterizzano la storia della pasticceria di questo territorio da quasi mezzo secolo. Un’identità che esce rafforzata dall’emergenza restando uno dei richiami turistici più invitanti e condizionando, ancora oggi, le scelte di giovani professionisti. E’ con questa chiave di lettura che si schiude la porta de Le Sirene, la nuova pasticceria di via Degli Aranci a Sorrento, dove due talentuosi artisti dell’impasto hanno aperto nel corso del 2019 per poi riprendere l’attività da pochi giorni. Ma lo spirito iniziale della nuova avventura non è rimasto intaccato dalla chiusura forzata ed i loro dolci sono ritornati ad illuminare le vetrine del neolocale. E’ ovvio che i protagonisti di questo nuovo laboratorio artigianale, anche se giovani, hanno alle spalle anni di esperienza e una gavetta iniziata da quando erano poco o più che ragazzini. Alfonso Guadagno originario di Amalfi ha studiato nelle cucine del ristorante stellato Il Faro di Capo d’Orso con chef di fama. Mentre Raffaele D’Urso ha iniziato negli storici laboratori sorrentini della Primavera e Bar Pollio, poi è sbarcato al prestigioso ristorante Caruso dove è diventato primo pasticcere ed ha conosciuto l’attuale socio Alfonso. Ed è proprio nel tempio della cucina costiera che i due hanno rafforzato l’amicizia ma anche affinato le tecniche di preparazione e creato tanti dessert originali. Quindi nel 2019 la scelta di mettere a frutto l’esperienza conquistata sul campo con l’apertura di un attività propria. Ed in pochi mesi hanno attirato l’attenzione dei buongustai di passaggio ma anche del mondo alberghiero che gli hanno commissionato decine di torte per cerimonie ed addirittura una per il favoloso matrimonio di una principessa svoltosi sull’isola Li Galli l’estate scorsa. In questi giorni, con la riapertura, è tornata la piccola pasticceria, il loro fiore all’occhiello, che vede oltre ai classici bignè dai mille gusti, le codine d’aragosta e le zeppoline con crema pasticcera anche le originali sfere delle Sirene che sono delle mini mousse adagiate su una piccola tartelletta di pasta frolla. Poi ci sono tutti i classici della tradizione partenopea che vede Babà e Pastiere in prima linea; ma anche Sfogliatelle e Cassate. Quindi arrivano i cavalli di battaglia del laboratorio con la Il Tiramisù a mousse o a torta il Tronchetto gelato ai vari gusti e la Torta di mousse al cioccolato. Insomma i due pasticceri hanno saputo mettere insieme la loro arte; ma anche il gusto della propria terra con i limoni di Amalfi (lo Sfusato Igp ) e quello sorrentino (l’Ovale Igp) per creare il più classico ed intramontabile dei dolci costieri, la Delizia al limone che in questo locale trova uno spazio privilegiato. Come lo trovano i Tronchetti  di gelato impreziositi  con le nocciole ma soprattutto le noci di Sorrento- Ma qui c’è anche spazio per la piccola pasticceria secca ed i biscotti tra cui spicca un ottimo frollino che lo chef D’Urso mostra con orgoglio, raccontando che la ricetta è tramandata da generazioni tra le famiglie  della frazione di Torca di Massa Lubrense.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*