San Giovanni a Teduccio: folla sulla spiaggia dove il mare è viatatissimo

Pubblicità

Si nuota tra le chiazze di schiuma, visibili ad occhio nudo camminando sulla passeggiata a ridosso della scogliera, zeppa di rifiuti. E se non bastassero le chiazze allora è interessante leggere il report e i dati dell’agenzia regionale Arpac sugli scarichi a mare, ovvero sulle fonti di possibile contaminazione dell’acqua. Il più preoccupante è il canale Sannicandro che sversa a mare liquidi non depurati. Segnalato con un “bollino rosso” sulla mappa interattiva così come altri cinque sempre sulla costa di San Giovanni a Teduccio. Sono il collettore Volla-Alveo Pollena – su cui si sta lavorando in questi mesi e la foce pluviale Corradini. Qui scaricano anche la foce pluviale Garibaldi, lo scarico di fondo cunicolo sottoservizi San Giovanni e lo scarico collettore Vigliena. Bollino blu (apporto pluviale) per lo scarico in corrispondenza del cunicolo sottoservizi di vico secondo marina, ovvero al centro della banchina.
 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*