La tradizione popolare sposa il mare nella ricetta della pasta con ceci, baccalà e gamberetti dello chef Pietro Benzato dell’Arcobaleno di Cava de’ Tirreni

Pubblicità

lo chef Pietro Benzato con l’aiuto Giovanni Petti

Una minestra invernale presa a prestito dalla tradizione contadina e trasformata in un invitante piatto di mare  dalla bravura dello chef Pietro Benzato del ristorante pizzeria l’Arcobaleno di Cava de’ Tirreni. La pietanza popolare è la pasta e ceci a cui lo chef aggiunge  baccalà e gamberetti, due ingredienti di mare che impreziosiscono e rendono il sapore sicuramente più particolare. Il baccalà dal carattere forte riesce a stare in equilibrio con lo stesso possente temperamento dei ceci; mentre i gamberetti donano una freschezza e leggerezza che completa il gusto molto armonioso del piatto. Del resto lo chef Benzato anche se giovane ha ormai acquisito l’esperienza necessaria per osare accostamenti e abbinamenti originali che propone in tanti piatti del lungo menù del ristorante gestito dai fratelli Vittorio e Umberto Mannara. La cucina dell’Arcobaleno, diretta dallo chef Benzato aiutato dallo chef Giovanni petti, ripercorre in lungo e largo tutti i classici della tradizione partenopea e regionale arricchita con i prodotti dell’agro nocerino sarnese e del mare.

Ingredienti: 350 gr. di pasta mista; 200 gr. di baccala dissalato 170 gr. di ceci già lessati; 150 gr. di gamberetti di Sicilia; 50 gr. di sedano;  mezza cipolla, sale e pepe quanto basta; 4 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Procedimento: In una pentola far soffriggere i 4 cucchiai di olio con cipolla e sedano tritati quando il tutto si è rosolato aggiungere i ceci già lessati e far insaporire. Intanto tagliare il baccalà dissalato a dadini e aggiungerli ai ceci. Far rosolare per altri 5 minuti e poi aggiungere acqua calda sufficiente alla cottura della pasta. Quando l’ intingolo raggiunge il bollore calare la pasta mista. Aggiustare di sale e pepe e far cuocere, a circa 5 minuti dal temine unire i gamberetti già sgusciati. Servire caldo. Per rendere il piatto ancora più gustoso si potrebbe aggiungere una vellutata di bufala

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*